Quando andare in Gargano e cosa fare?

Quando si pensa all’organizzazione delle vacanze estive si cercano sempre delle mete belle e suggestive, da visitare e scoprire. Quello che si vuole, solitamente, da una vacanza estiva è divertirsi, godere del mare e delle spiagge se ci si trova in località marittime, e stare bene. Tutto questo è racchiuso in una sola terra: il Gargano.

Il gargano è la meta ideale da visitare in estate, o più precisamente nel periodo compreso tra Giugno e Settembre, che da sempre rappresentano i mesi più vivi dell’anno, soprattutto se l’intenzione è quella di vivere un soggiorno all’insegna del mare e delle belle spiagge.

Quello che caratterizza questa zona è, in primo luogo, il suo trovarsi in quella che da molti è definita la regione più bella del mondo, ossia la Puglia. La Puglia racchiude in sé diverse bellezze (tra le più rinomate basti pensare al Salento – qui delle offerte interessanti – e alla Valle d’Itria) ed è proprio l’eterogeneità del suo territorio che la rende unica nel suo genere. Una delle zone più belle è, senza dubbio, il Gargano, oggi meta sempre più gettonata del turismo d’elite e non solo. Il Gargano, infatti, è una zona aperta a tutti e qui si può vivere esattamente la vacanza che si desidera. Molto spesso, però, si ha poco tempo a propria disposizione. Quali sono, allora, le cose da fare in un weekend in Gargano?

Si deve iniziare scegliendo la località in cui soggiornare. Prima di scegliere, è sempre meglio avere le idee chiare, in modo tale da scegliere quello che fa più al caso proprio, senza andare a optare per un borgo piuttosto che un altro senza sapere quello che offre. Naturalmente, il Gargano è bello nella sua interezza: qui si sposano mare, verde, la pianura e i rilievi del promontorio garganico, la bellezza delle isole e 140 km di litorale. I vari borghi marittimi che si trovano in questo lembo di terra sono uno più bello dell’altro ma, naturalmente, ce ne sono alcuni più devoti al turismo e più privilegiati per la loro bellezza. Si sta parlando, ad esempio, di borghi come quello di Manfredonia, cittadina che domina l’omonimo golfo che è noto in tutta Italia e non solo per la sua estrema bellezza, ma anche di Peschici, Rodi Garganico, Vieste e molti altri ancora.

ViesteFoto CC-BY-SA di Idéfix

Conoscendo queste località e esplorandone le bellezze e le potenzialità, si può decidere dove andare a soggiornare (ad esempio in un comodo hotel equidistante dalle mete più rinomate appena nominate come l’hotel Orchidea Blu), fermo restando che la zona è talmente bella che, avendo a disposizione un po’ di tempo, andrebbe visitata tutta, anche sfruttando i vari itinerari sul Gargano in moto, in bici, a piedi e quant’altro.

I 140 km di litorale sono importantissimi per coloro che scelgono le località garganiche come meta dei propri weekend o delle proprie vacanze lunghe. La zona offre, come è facile immaginare, diverse possibilità e decine e decine di spiagge, baie, cale, insenature, grotte e chi più ne ha più ne metta. Per mettere a fuoco la situazione, c’è da dire che nella parte settentrionale del promontorio, tra Rodi Garganico, Peschici, Vieste, ci sono le spiagge sabbiose più belle in assoluto. Qui il litorale è basso e, come detto, sabbioso, ma grazie a delle imbarcazioni che si possono noleggiare in loco, si possono anche visitare delle grotte e delle cale molto vicine. Da segnalare, nei pressi di Peschici, la Baia di Gusmay e la Spiaggia della Cala, che sono due tra le più famose e amate della zona, sia dagli locali che dai turisti. Se ci si trova, invece, nei pressi di Vieste, non si può perdere l’occasione di andare sia presso la Spiaggia dei Colombi che presso la Cala della Sanguinaria, che sono altre due perle incastonate in una costa meravigliosa. La spiaggia dei Colombi è nota per il paesaggio che regala, essendo racchiusa tra pini e rocce e preceduta da un trabucco. Si tratta di una spiaggia molto idonea a ospitare anche i più piccoli e, pertanto, è frequentata da moltissime famiglie. La Cala della Sangunaria, invece, è caratteristica per il suo colore bianco, dovuto alla presenza di falesia carsica, e per la fitta pineta che regala ombra e riposo a tutti coloro che amano passare intere giornate al mare.

Spostandosi verso la zona a sud della costa garganica, il paesaggio e, quindi, il litorale, inizia a diventare sempre più roccioso. In questa zona, che fa parte del comune di Mattinata, ci sono le più belle grotte naturali del Gargano, tutte da scoprire e visitare. Una delle poche spiagge raggiungibili via terra in questa zona è la Spiaggia di Mattinatella: qui ci si può rilassare tra un tuffo e un altro in un Adriatico cristallino e da qui si può partire alla scoperta di cale, calette e grotte. Anche la Baia dei Mergoli vale la pena di essere visitata, dato che non solo ha la sabbia bianca, ma ha anche due meravigliosi faraglioni che la arricchiscono. Proseguendo si trovano la Grotta Campana Grande, alta ben 40 metri, e la Grotta Smeraldo. In località Pugnochiuso, invece, ci saranno Grotta Calda, Grotta dei Marmi, Grotta Rossa, Grotta dell’Occhio Magico. Visitare queste bellezze naturali arricchirà senza dubbio la bellezza della vacanza in Gargano, al pari delle escursioni che sono assolutamente da fare. Gli itinerari tra cui scegliere, come detto sono diversi, anche se, avendo poco tempo a propria disposizione, si potrebbe optare in primo luogo per la visitar del Parco Nazionale del Gargano, che ospita oltre 2.200 specie botaniche e molti animali rari. L’itinerario che porta alla scoperta di questo immenso parco può essere fatto in parte a piedi e in parte con la bicicletta, ad esempio, per avere un’esperienza ancora più interessante. I paesi che sono interessati dall’itinerario sono quelli compresi tra Mattinata e Monte Sant’Angelo e questa è una bella occasione per vedere i borghi che si trovano lungo la strada.

Durante la sera, poi, ci si diverte in diversi modi, dato che il Gargano offre tanto anche da questo punto di vista. Ogni cittadina di mare ha i suoi locali cool nei quali passare la serata dopo aver mangiato in ottimi ristoranti che offrono specialità di mare e del posto. Cosa si potrebbe volere di più quando si è in vacanza in una delle zone più paradisiache d’Italia? Nulla.

2 pensieri su “Quando andare in Gargano e cosa fare?

  1. Gnius

    Ciao Josi, ho trovato il tuo post molto bello e ben fatto, un po’ di giorni fa ne abbiamo scritto uno sullo stesso argomento e volevo condividere un po’ delle info che abbiamo noi sulle meraviglie de Gargano.
    E’ uno dei pochi post in cui si parla del bellissimo parco del Gargano!

    A mio parere si può visitare tutto l’anno, dipende da quello che vuoi visitare.

    Per godersi il mare il periodo migliore è da giugno a settembre, se l’estate sarà molto calda agosto avrà temperature massime sopra i 40° di giorno, mentre a giugno superano di poco i 28/30°.
    Le città sulla costa godono tutte di un bel venticello fresco la sera, quindi la temperatura notturna non sale mai oltre i 25/28° a seconda delle zone e si dorme bene senza bisogno di condizionatore.

    Se invece vuoi visitare la parte interna, come le oasi del parco nazionale e la foresta umbra l’ideale è la primavera inoltrata, prenotando la visita con le guide dei parchi e con i consigli della forestale si riescono a vedere tantissimi animali allo stato brado!

    Ottobre e novembre e marzo aprile invece sono i mesi ideali per andare a visitare i luoghi santi di Padre Pio, dato che di solito è bel tempo e non fa ne troppo caldo ne troppo freddo per le camminate e per i gli spostamenti, magari in pullman.

    🙂

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *