Quando si festeggia la Santa Pasqua?

Quando si festeggia la Santa Pasqua?

Quando si festeggia la Santa Pasqua?

La Santa Pasqua è la festa cristiana più importante e significa etimologicamente “passaggio”. Quando si festeggia la Santa Pasqua? La data non è fissa in quanto dipende dal plenilunio di primavera mentre l’origine è legata al mondo ebraico, in particolare alla festa di Pesach, durante la quale si celebrava il passaggio di Israele, attraverso il mar Rosso, dalla schiavitù d’Egitto alla libertà. Andiamo a scoprire tutto quello che c’è da sapere sulla Pasqua.

Santa Pasqua: significato

La parola Pasqua deriva dall’ebraico Pesach la traduzione latina della parola è Pascha ossia “passare sopra” ad indicare il passaggio di Dio che passò oltre le case degli Israeliti in Egitto segnate dal sangue dell’agnello immolato.

La Santa Pasqua è la festività principale del cristianesimo, ancor più importante del Natale, e celebra, dopo il terzo giorno della sua morte in croce, la rissurezione di Gesù.

Sotto l’aspetto religioso, dunque, la Pasqua vuole celebrare e rappresentare tutto il mistero cristiano della passione di Gesù Cristo che si è sacrificato per l’uomo, lo ha liberato dal peccato originale, e che ha, con la rissurezione, dimostrato all’umanità che dopo la morte si può risorgere.

Al di là del significato religioso, che poi dovrebbe essere il principale, la Pasqua è divenutata nel tempo una festa che soprattutto i babini aspettano con ansia.

Quando è Pasqua?

La Santa Pasqua si celebra in una data che varia di anno in anno. Non si tratta dunque di una data “fissa” come avviene per altre fesitivà come, ad esempio, il Natale. La Santa Pasqua infatti cade la domenica successiva al primo penilunio di primavera, in questa occasione veniva immolato un agnello.

La sua data cambia dunque a seconda di quelli che sono i cicli lunari che determinano anche altre celebrazioni come Quaresima e Pentecoste.

Per quest’anno, per il 2021 la Pasqua si festeggerà domenica 4 aprile e Pasquestta lunedi 5 aprile 2021.

Date Santa Pasqua

Ecco le prossime date della Santa Pasqua

  • Domenica 4 aprile 2021
  • Domenica 17 aprile 2000
  • Domenica 9 aprile 2023
  • Domenica 31 marzo 2024
  • Domenica 20 aprile 2025
  • Domenica 5 aprile 2026
  • Domenica 28 marzo 2027

Tradizioni della Santa Pasqua

Sono tantissimi gli usi e le tradizioni legate al giorno di Pasqua: dal coniglio che nasconde le uova di cioccolato per i bambini al pic nic. Andiamo a scoprire le principali tradizioni legate alla Pasqua.

L’uovo di Pasqua

Per i più piccoli la Pasqua è l’uovo al cioccolalto, simbolo dell’aspetto commerciale di questa festività. Ma perchè l’uovo è il simbolo della Pasqua? Le origini di questa tradizione sono antichissime e risalgono a quando i contadini romani, per propiziare il raccolto, sotterravano nel terreno un uovo colorato. L’uovo è anche il simbolo della vita ed è quindi collegato alla rissurezione di Cristo.

Campane

Un’altra tradizione legata alla Pasqua sono le campane mute dal venerdì santo fino alla domenica di Pasqua ad indicare il dolore per la crocifissione di Cristo.

La Pasqua nel mondo

In altri paesi del mondo le tradizioni cambiano, in Finlanda ad esempio, dove la Pasqua non ha l’importanza che ha per noi, questa giornata è considerata una giornata di vacanza durante la quale le  streghe, secondo le tradizioni finlandesi, volano nei cieli tra tra il venerdì santo e la domenica di Pasqua e, con falò accesi dalla popolazione, vengono cacciate. Un aspetto molto focloristico dunque che nulla ha a che vedere con quella che è la Pasqua cristiana.

La Pasqua in tavola

Le tradizioni legate alla Pasqua si estendono anche alla tavola, in questi giorni è usanza preparare dei piatti tipici che hanno come protagonista l’agnello in primis e poi torte salate preparate con uova, colomba e uova di cioccolato come dessert.

La tradizione di consumare l’agnello per Pasqua deriva dalla Pesach, la Pasqua ebraica. L’agnello fa infatti parte dell’origine di questa festività. In particolare si fa riferimento a quando Dio ordinò al popolo d’Israele di marcare le loro porte con del sangue d’agnello così da rendesi rinoscibili ed immuni dal castigo divino.

Oltre a questo in passato esisteva un comandamento relativo la Pasqua ebraica che comandava di fare l’offerta dell’agnello il giorno 14 del mese ebraico di Nisan e di consumare quella stessa notte il sacrificio di Pesach.
L’agnello divenat quindi il simbolo di sacrificio e di redenzione.

Il lunedi successivo alla Pasqua è il giorno di Pasquetta, in questo giorno è usanza fare dei pic nic e pranzare quindi “al sacco” con torte di verdura e altre specialità tipiche che hanno come protagonista le uova.

Senza alcun senso di colpa se non si trascorre l’evento in famiglia perchè, lo dice anche il provebio, “Natale con i tuoi Pasqua con chi vuoi”.

Cosa regalare per Pasqua

La Pasqua, così come altre festività, è anche l’occasione per dire qualoca a chi si ama, e lo si può fare attraverso l’uovo di Pasqua con sorpresa personalizzata.

Si tratta ovviamente di un uovo di Pasqua artigianale nel quale sarà inserita un’apposita sopresa pensata proprio per il destinatario, spesso dichiarazioni di amore, promesse di matrimonio vengono fatte attraverso l’uovo di Pasqua che custodirà, in questi casi, un anello di fidanzamento, piuttosto che un biglietto di amore, piuttosto che una copia delle chiavi di quella che sarà la casa dove si andrà a vivere.

Anche i bambini a scuola e all’asilo hanno con la Pasqua, l’occasione di preparare “lavoretti” artigianali per i genitori e i nonni, le più gettonate sono le uova dipinte ma anche i cestini con i pulcini sono oggetti molto presenti nel periodo pasquale.

Se si trascorre la Pasqua in famiglia, magari festeggiandola con un degno pranzo pasquale, una bella idea potrebbe essere quella di decorare la tavola con uova coloratissime e magari decorate a mò di viso.

E così le uova decorate possono diventare un divertente  centrotavola o degli originali segnaposto personalizzati con il nome dell’ospite. E’ bene ricordare che eventuali avazi di cioccolato (e il termine eventuali è doverso) possono essere riutilizzati per la preparazione di dolci e per tantissime ricette di torte. Idem per l’altra protagonista della festa: la colomba i cui avanzi possono rappresentare la base per tiramisù e dessert.

Anche la carta delle uova di Pasqua, spesso coloratissima e bellissima. può diventare uno spunto per la creazione di giochi e decori. Addirittura, se non tagliente, viene usata come divertimento per i più piccoli che amano sentire la sua “sonorità”.

Concludiamo con una citazione di Clarence W. Hall che sintentizza appieno il significato della Pasqua

Non si può seppellire la verità in una tomba: questo è il senso della Pasqua.”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.