Quando assumere integratori alimentari da anziani

Quando assumere integratori alimentari da anziani

Quando assumere integratori alimentari

Gli integratori alimentari rappresentano per molti una sorta di soluzione rapida ed efficace per sopperire ad eventuali carenze. Ma è proprio così? Quando assumerli, sopratutto quando si è anziani?

Con il passare degli anni, le esigenze nutrizionali mutano, per questo motivo la dieta di una persona giovane è generalmente diversa da quella di una persona anziana: le vitamine, i nutrienti essenziali ed i minerali sufficienti per un giovane non sono gli stessi adatti per una persona su con gli anni.

Si deve inoltre considerare che il metabolismo con l’età si modifica e subisce un rallentamento. Ciò porta l’anziano ad avere bisogno di meno cibo, rispetto ad un giovane ma questo senza compromettere la quantità e la qualità dei nutrienti che deve essere adeguata.
L’alimentazione è sempre importante ma con l’avanzare dell’età lo è ancora di più: le persone anziane devono prestare particolare attenzione alle abitudini alimentari.

Una dieta sana ed equilibrata, coerente alla presenza di eventuali problemi di salute (diabete, ipertensione etc) spesso tipici della terza età, è il presupposto per stare bene. Assumere, ad esempio, farmaci volti a combattere il colesterolo e poi consumare abitudinariamente cibi che ne sono ricchi è una scelta del tutto illogica oltre che assurda. A tavola si pongono le basi per stare in salute. Medicinali ed integratori fanno il resto.

Integratori pro e contro

Uno dei dubbi che assalgono soprattutto quando si è avanti con gli anni è l’assunzione di integratori alimentari. È opportuno o meno assumerli? Quando assumere integratori alimentari e con quali modalità? Ovviamente la risposta giusta è sempre quella del proprio medico curante che conosce la storia clinica del paziente e che può consigliare al meglio in merito. Il discorso vale in particolare per chi assume farmaci o per chi si sottopone a particolari terapie, che possono essere compromesse dall’assunzione di alcuni tipi di integratori e vitamine. Generalmente prima dell’assunzione di alcuni tipi di integratori è, per questi motivi, sempre opportuno sottoporsi ad analisi specifiche per verificare le eventuali carenze (ad esempio la vitamina D il cui eccesso potrebbe essere nocivo).

Gli integratori alimentari ufficialmente in commercio sono controllati dal Ministero della Salute e dall’EFSA, l’Agenzia Europea di Sicurezza Alimentare, tuttavia spesso sono usati impropriamente in quanto vengono assunti quasi come sostituti di una dieta equilibrata. Il loro scopo è invece quello di colmare eventuali carenze nutrizionali ma sempre in abbinamento con una corretta alimentazione.
Si deve inoltre considerare che gli integratori alimentari possono avere effetti collaterali che si verificano con il sovradosaggio. Altro punto negativo è che alcuni integratori rendono meno efficaci o inficiano gli effetti di alcuni farmaci. Per questo è fondamentale che sia il medico curante a prescriverne l’assunzione.

Il fai-da-te è altamente sconsigliato perché potrebbe essere nocivo.
Premesso questo è bene precisare che, pur seguendo una dieta equilibrata, spesso la quantità di vitamine, minerali e nutrienti essenziali non è sufficiente a soddisfare il fabbisogno. Proprio il fatto che solitamente la persona anziana tende a mangiare meno cibo rispetto ad un giovane (anche per motivi di salute) porta a diminuire l’assunzione di sostanze importanti per il benessere.
Gli integratori alimentari sono proprio volti a sopperire le carenze per gli over 65

Integratori alimentari per anziani

Tutti sappiamo che un’alimentazione sana è quella che predilige il consumo di frutta, verdura, proteine e grassi ‘buoni’ a discapito di zuccheri e cibi processati. Una dieta sbilanciata, soprattutto nelle persone anziane, è molto nociva. Cambiare le abitudini alimentari optando per un’alimentazione corretta, adeguata e sana rappresenta quindi il primo fondamentale passo da compiere.

Tuttavia, le persone anziane presentano esigenze nutrizionali specifiche che sono spesso difficili da soddisfare solo attraverso la dieta. Qui entrano in gioco gli integratori alimentari.
Gli integratori alimentari possono rivelarsi un utile mezzo per garantire l’adeguato quantitativo di vitamine e minerali.

Esigenze nutrizionali degli over 65

Tra le vitamine ed i minerali necessari nella dieta di una persona anziana ci sono le seguenti :
vitamina D: vanta proprietà antinfiammatorie e protettive del sistema immunitario. Quando è carente può insorgere diabete, sclerosi multipla e Alzheimer.

  • calcio: contribuisce al mantenimento della salute delle ossa.
  • vitamina B6: serve per la formazione di globuli rossi.
  • vitamina B12: mantiene sani i globuli rossi ed i nervi.
  • omega-3: un acido grasso polinsaturo che si rivela prezioso per proteggere il cuore.

Quando assumere integratori alimentari

Torniamo alla domanda di partenza: quando assumere integratori alimentari? Gli integratori alimentari andrebbero dunque assunti quando ci sono carenze che la dieta non riesce a sopperire. Generalmente si assumono per periodi di tempo limitati (definiti dal medico curante). Ci sono poi particolari periodi dell’anno in cui si rivelano particolarmente utili alcuni tipi di integratori rispetto ad altri, o particolari condizioni (febbre etc). Ma tutto va sempre contestualizzato in base alla persona.

Alternative agli integratori

Un’alimentazione corretta, uno stile di vita sano e controlli regolari dal proprio medico sono le basi per restare in forma anche dopo i 65 anni. Eventuali carenze possono essere, sotto consiglio medico, sopperite dall’assunzione di integratori alimentari. Ci sono alimenti che possono aiutare in modo naturale.

Noi che viviamo in questo bel Paese possiamo addirittura coltivarli nel nostro giardino o terrazzo. Zenzero, curcuma, peperoncino, bacche di goji, aloe sono sono alcune delle tante erbe officinali che possono contribuire al nostro benessere a qualsiasi età. Anche in questo caso sarebbe opportuno, prima di un’assunzione regolare e prolungata, ascoltare il parere del medico curante sopratutto se si stanno assumendo farmaci. Una volta ottenuto il suo ok si può sfruttare ciò che ci regala la natura per preparare ricette gustose che contribuiscono al nostro benessere in modo del tutto naturale e senza passare dalla farmacia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.